La cuoca di Himmler

ImmagineFino al mio ultimo respiro e anche più in là, crederò solo alla potenza dell’amore, delle risate e della vendetta. É lei ad aver guidato i miei passi in mezzo alle disgrazie, per oltre un secolo, e devo dire di non avere rimorsi, nemmeno oggi che sto per essere abbandonata dalla mia vecchia carcassa e mi preparo a scendere sottoterra”.

Per ripercorrere le pagine più drammatiche e sanguinarie del Novecento, Franz-Olivier Giesbert ha costruito un romanzo che è il risultato dell’intreccio sapiente tra storia e invenzione, tragedia e momenti divertenti, linguaggio triviale e poesia. Tutti questi elementi, infatti, vanno a comporre la vita della protagonista, che attraversa praticamente l’intero secolo, il “secolo degli assassini”, coraggiosa e dal carattere combattivo, dotata di senso dell’umorismo e un’intelligenza sottile, che si troverà ad affrontare sofferenze atroci, dopo cui però riuscirà sempre a rialzarsi e trovare la forza di “dire sì” alla vita.
L’autore si propone di trasportarci, grazie alle memorie di questa donna speciale, ultracentenaria al momento in cui si apre il racconto, nel vivo degli eventi più luttuosi che hanno segnato il XX secolo e, soprattutto, a tu per tu con gli uomini che ne sono stati artefici e vittime, a cominciare dall’Himmler immortalato nel titolo. Ma l’ufficiale nazista sarà solo uno degli uomini politici e personaggi pubblici che la nostra protagonista incontrerà nel corso della sua lunga e avventurosa vita, scontrandosi con la “Storia”, che quasi si accanirà contro di lei, sottoponendola ripetutamente a prove difficili e alla perdita di persone care.
Armena di Trebisonda, Ruzanna sopravvive a soli otto anni allo sterminio dell’intera famiglia durante il genocidio in Turchia, provando per questo un forte senso di colpa. Grazie alla voglia di vivere, nonostante l’orrore a cui è stata esposta, affronterà con coraggio viaggi, vere e proprie fughe, incontri con personaggi che vivono spesso ai margini della società grazie ai quali temprerà il suo carattere e imparerà a cavarsela in situazioni anche estreme. Gli eventi la porteranno dalla Turchia a Marsiglia e poi a Parigi, dove vivrà gli anni dell’occupazione nazista; poi in Germania al seguito del Reichsfuhrer-SS Himmler; ma addirittura in America e fino nella Cina comunista di Mao.
Continua a leggere

Annunci