Il collezionista di Baci

BaciGrazie a Nuovo Cinema Paradiso ho scoperto che con i film si può avere un rapporto affettivo – come con i libri, del resto – trovandoci dentro emozioni, avventura, scoperta, fuga, incanto (oltre a bellissime immagini, ovviamente). Nel mio piccolo, personale baule delle meraviglie Giuseppe Tornatore sta al cinema come Giacomo Leopardi sta alla poesia: al valore oggettivo di entrambi si aggiunge quello sentimentale che ti lega per sempre in modo speciale a ciò che impari ad amare in adolescenza. Ogni volta che rivedo il film, la sequenza finale dei baci mi fa irrimediabilmente piangere – complice naturalmente la musica struggente – per quel misto di dolcezza, meraviglia, nostalgia…
Ho acquistato questo volume alla fine di una visita agli studi di Cinecittà. Volevo un ricordo della giornata che non fosse un semplice gadget e mi è sembrato perfetto: una sorta di “cristallizzazione” su carta dello spirito del film e un modo per portarmi via un pezzetto di storia del cinema da un posto così speciale.
“Il Collezionista di Baci”, cioè di manifesti di film i cui protagonisti si baciano o stanno per farlo, è Filippo Lo Medico; la sua famiglia era proprietaria di uno dei cinema in cui il giovanissimo Giuseppe Tornatore iniziò a lavorare come proiezionista nella seconda metà degli anni Sessanta. Proprio il regista nella bella prefazione ci racconta come è nata l’idea del libro, che naturalmente si riallaccia alla famosa scena finale del suo film e a una fitta trama di ricordi personali e racconti di proiezionisti più anziani sulla consuetudine di tagliare le pellicole cinematografiche nelle parti ritenute più scabrose. Continua a leggere

Annunci